Troupe Rai aggredita da nomadi a Prato

Pubblicato 5 aprile 2019

Prato, troupe Rai aggredita da un gruppo di nomadi durante un servizio su una discarica abusiva

Tre donne hanno minacciato due giornaliste. È successo in un’area di periferia. Salvini: “Sarò presto in città per lo sgombero”. Solidarietà alle croniste dalla Federazione nazionale della stampa italiana

Una giornalista del Tgr Rai della Toscana, Giulia Baldi, e la collaboratrice Daniela Pecar sono state aggredite questa mattina al cimitero di Paperino, alla periferia di Prato, da un gruppo di nomadi di un campo vicino che le hanno prima minacciate, poi aggredite e percosse, cercando di impossessarsi delle attrezzature mentre stavano realizzando un servizio sul sequestro di una discarica abusiva. A essere aggredite anche alcune anziane signore che si trovavano sul postoLe due giornaliste hanno subito presentato denuncia in questura a Prato, dove hanno depositato anche il video che documenta quanto accaduto. Secondo quanto ricostruito, ad aggredire le giornaliste sarebbero state tre donne, tutte residenti nel vicino campo nomadi, che saranno denunciate per violenza privata e percosse.

A condannare “con la massima forza e decisione” quanto accaduto la Federazione nazionale della stampa italiana, l’Associazione stampa toscana, Usigrai, cdr e redazione del Tgr Rai di Firenze. Solidarietà alle croniste è stata espressa, poi, anche dal ministro dell’Interno Matteo Salvini che si è impegnato a “essere presto a Prato per fare lo sgombero e mettere ordine”. “È una cosa che non deve accadere. Spero che le forze dell’ordine arrestino i delinquenti”, ha detto il sindaco di Prato Matteo Biffoni che ha specificato che “lì non c’è un campo nomadi ma insediamenti su cui siamo intervenuti più volte”. “Non c’è nulla da sgomberare, perchè lì abbiamo già fatto tutto. Anzi, la troupe Rai era lì proprio per riprendere l’area che era stata sottoposta a sequestro” ribadisce Biffoni all’agenzia Dire. “Il problema è l’esatto opposto – ribatte il sindaco-. Avevamo già fatto tre sequestri in alcuni pezzi di quell’area, e questo grazie alle immagini riprese da un drone della municipale. Su indicazione ineccepibile della procura, inoltre, è già stato sequestrato tutto, il proprietario è stato denunciato per una valanga di illeciti”. Pertanto, avvisa, “non c’è bisogno di nessuno: né del ministro, né di Susanna Ceccardi“, commissaria del Carroccio in Toscana e sindaca di Cascina intervenuta sul caso”. “Ancora una volta con queste dichiarazioni c’è chi dimostra di non conoscere la situazione”, conclude Biffoni. Vicinanza alle croniste è arrivata anche dal sindaco di Firenze, Dario Nardella, che ha definito ” inaccettabile e vergognosa” l’aggressione. “I responsabili siano individuati e paghino per quello che hanno fatto. La legalità è un valore centrale, irrinunciabile – ha spiegato Nardella – Nelle nostre città non possiamo ammettere zone franche dove individui, a prescindere dalla loro etnia, possono aggredire delle donne mentre stanno svolgendo il proprio lavoro”.  “Il lavoro giornalistico va sempre e comunque tutelato. Troppe volte gli operatori dell’informazione sono sottoposti a pressioni indebite che minano alla base una delle funzioni fondamentali della democrazia”, il commento del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

Fonte: LA REPUBBLICA


Tags: , , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Troupe Rai aggredita da nomadi a Prato
Rating dell'autore