Spagna campione: è rivincita sulla Germania, Fabian Ruiz e Olmo firmano il 2-1

Pubblicato 1 luglio 2019

Spagna campione: è rivincita sulla Germania, Fabian Ruiz e Dani Olmo firmano

il 2-1

Due anni fa furono in tedeschi a battere gli iberici in finale. La Roja raggiunge l’Italia a quota 5 titoli continentali

30 giugno Udine

La Spagna è campione d’Europa Under 21. Trascinata da un grande Fabian Ruiz e dai lampi di Ceballos, la Rojita si vendica della Germania che l’aveva sconfitta due anni fa in Polonia. L’avevano battuta anche gli azzurri, la Spagna, all’esordio di questo Europeo: 3-1 per l’Italia. Ma vincono loro. E agganciano proprio l’Italia: quinto titolo, come gli azzurri.

SPRINT SPAGNOLO – Rispetto al solito, la mossa di De La Fuente è arretrare Ceballos, pericolo pubblico numero uno, e liberare la falcata di Fabian Ruiz. Funziona subito. Oyarzabal fa la sponda, taglia fuori Baumgartl e apre la strada a Fabian: percussione, mirino sull’obiettivo e sinistro a girare verso il palo basso lontano. Al 7’ la Spagna è già avanti. E la Germania ancora praticamente non ha toccato palla. Per 17 minuti il possesso della Spagna è totale. Quando i tedeschi si presentano in campo al 17’ (cross basso di Oztunali, Amiri è in ritardo), gli va bene che siano sotto solo di un gol. La Germania riesce ad alzare un po’ il baricentro e soprattutto togliere l’oggetto preferito agli spagnoli, anche se di occasioni vere non ne creano. Vallejo cerca di complicare la serata con un’entrataccia in ritardo su Waldschmidt (solo ammonizione dopo check al Var), ma è lui a intercettare un sinistro di Oztunali al 42’ sugli sviluppi di un angolo. La Spagna, che ha il difetto di piacersi troppo, ci riprova con Fabian Ruiz su punizione al 32’ e su un affondo di Firpo su cui Fornals arriva in leggero ritardo al 45’. Uno a zero stretto, comunque.

REAZIONE TEDESCA – Ma la Germania sembra in partita. E con il possesso costringe la Spagna a un gioco che non le piace, quello di difendersi. La Rojita si allinea in 4-4-2 difensivo e chiude le linee, lasciando solo il tiro da fuori. Amiri impegna Sivera al 2’, Waldschmidt conclude a lato all’8’ e centrale al 16’. De La Fuente prova a scuotere i suoi con Soler per Oyarzabal, ma deve aspettare che torni ad accendersi Ceballos. Succede. Al 22’ un suo tacco avvia un contropiede che Olmo sbatte centrale, al 24’ ispira il raddoppio. Manda al tiro Fabian Ruiz, Nubel non trattiene e Olmo, rapidissimo e tecnico, lo scavalca con un tocco dolcissimo. La mente libera scatena la tecnica degli spagnoli: Fabian appoggia a lato al 30’, Soler viene stoppato da Henrichs al 32’ e colpisce la traversa al 40’. Partita finita? Non con la testardaggine dei tedeschi. Che la riaprono al 43’: gran tiro di Amiri, la deviazione di Vallejo inganna Sivera. Ma nel finale la Spagna riesce a congelare il pallone. E si prende l’Europeo.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Spagna campione: è rivincita sulla Germania, Fabian Ruiz e Olmo firmano il 2-1
Rating dell'autore