Sagan torna padrone e fa il “gorilla”: battuti Van Aert, Trentin e Colbrelli

Pubblicato 11 luglio 2019

Sagan torna padrone e fa il “gorilla”: battuti Van Aert, Trentin e Colbrelli

A Colmar lo slovacco batte il belga e i due italiani, centra la sua dodicesima tappa nella corsa francese e festeggia col suo tipico gesto. “Ci vuole pazienza, e la vittoria arriva”. Giovedì arrivo a La Planche des Belles Filles col traguardo sul “Muro” al 24%: primo vero test per Bernal e Nibali

10 luglio Milano

Finalmente Peter Sagan. Lo slovacco, che cerca il record della settima maglia verde della classifica a punti, vince nettamente la volata di Colmar sul belga Wout Van Aert, Matteo Trentin e Sonny Colbrelli. E poi esulta facendo il gesto del gorilla, come quando stupì il mondo da ragazzino nel 2012. In maglia gialla resta sempre il francese Julian Alaphilippe. Era la quinta tappa del 106° Tour de France, Saint Dié de Vosges-Colmar, 175 chilometri, la prima con due salite lunghe (5 e 7 km) negli ultimi 40 km.

“Ci vuole pazienza e la vittoria arriva — dice Sagan, 29 anni, alla dodicesima tappa vinta al Tour —. Grazie ai miei compagni per il loro lavoro. Ho fatto il mio meglio, non mi si può chiedere nulla di più”.

Giovedì il Tour vivrà il primo attesissimo scontro in salita: sesta tappa, Mulhouse-La Planche des Belles Filles, 157 km, con cinque salite tra cui il Ballon d’Alsace (km 101: prima ascesa nella storia del Tour). Arrivo molto impegnativo a La Planche des Belles Filles (metri 1140: 7 km all’8,7% medio, e punte del 20% negli ultimi due chilometri), dove si sono imposti Nibali nel 2014 e Aru nel 2017. Ma l’ascesa sarà più lunga di 1300 metri rispetto al passato, e si arriverà su un “muro” al 24%. Test chiave per Bernal e lo stesso Nibali.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Sagan torna padrone e fa il “gorilla”: battuti Van Aert, Trentin e Colbrelli
Rating dell'autore