Quadarella monstre: 3° oro Panziera e Codia da sogno

Pubblicato 10 agosto 2018

Europei nuoto, Quadarella 3° oro, vincono anche Codia e Panziera

Chiusura da sogno a Glasgow con l’Italia a quota 22 medaglie. Simona si prende anche i 400sl dopo 800 e 1500. Clamoroso trionfo del 28enne nei 100 farfalla e di Margherita nei 200 dorso. Medaglie di bronzo per Vergani nei 50 stile uomini e Castiglioni nei 50 rana donne

Clamorosa ultima giornata nella vasca degli Europei di Glasgow, con l’Italia protagonista assoluta che chiude la sua miglior rassegna continentale di sempre con 22 medaglie, di cui 6 d’oro. Nell’ultima giornata arrivano addirittura 5 medaglie: gli ori di Simona Quadarella (400sl), Margherita Panziera (200 dorso) e Piero Codia (100 farfalla) e i bronzi di Andrea Vergani (50sl) e Arianna Castiglioni (50 rana).
400 STILE — Triplete! Simona Quadarella dà spettacolo. Dopo 800 e 1500 si prende pure i 400, roba da Kate Ledecky davvero. La diciannovenne romana si migliora da 4’05”68 a 4’03”35 con una prestazione magistrale: terza ai 100 in 59”55, ai 100 in 2’01”66 seconda ai 300 in 3’03”17, prima ai 350 in 3’33”74. In volata respinge la magiara Kesely (4’03”57) e la britannica Hibbot 4’05”01, conquistando un fenomenale tris d’oro. “Ci ho sperato, mi sembra incredibile – racconta l’allieva di Christian Minotti, che l’allena all’Aniene -. Se mi avessero chiesto qualche giorno fa avrei firmato semplicemente per fare la finale dei 800. Sapevo di fare bene e di essere più forte delle altre, però… So che posso fare bene, ma posso fare ancora meglio”.
200 DORSO — Margherita Panziera come Codia, ma forse un po’ più attesa: nei 200 dorso abbatte il muro dei 2’07” e domina col record dei campionati in 2’’06”18, decima di sempre, passando sempre in testa in 30”08, 1’01”93 e 1’34”08. La trevigiana del 1995, allenata all’Aniene Roma da Gianluca Belfiore, aveva il record italiano in 2’07”16: un progresso monstre. “Questa gara la aspettavo da mesi ormai – ha detto dopo la gara a Rai Sport -. Avevo avversarie competitive e questo mi ha aiutato a fare il tempo. Sono contentissima. Gestire l’emozione non è sempre stato il mio forte, ma quest’anno ho imparato a stare calma e si vedono i risultati. La testa fa tutto”. Argento per la russia Daria Ustinova (2’07”12), bronzo per l’ungherese Katalin Burian (2’07”43).
100 FARFALLA — Impresa d’oro di Piero Codia nei 100 farfalla: primo italiano a nuotarli sotto i 51”. L’azzurro trionfa in 50”64 (27”22) con l’ottavo tempo di sempre e record italiano e batte il francese Metella (51”24) e il britannico James Guy (51”42,). Solo ottavo l’argento olimpico Cseh. Sotto il podio l’asso magiaro Milak 51”51. Codia, giuliano dell’89, ha compiuto uin capolavoro: per prendersi l’oro sognato una vita assieme a Alessandro D’Alessandro, suo coach all’Aniene, è partito dalla corsia numero 8. “Questo tempo non me l’aspettavo – racconta Piero -: quest’anno ho fatto cose diverse, allenamenti diversi, e non mi sentivo in forma come a Budapest. E invece ho migliorato quasi mezzo secondo. Devo ringraziare il mio allenatore che ci crede più di me”.
50 STILE — Andrea Vergani, milanese del 1997, da rookie in Europa si prende il bronzo nei 50 sl con 21”68 dietro il britannico Ben Proud (21”34) e il greco Gkolomeev (21”44) e davanti al russo Vladimir Morozov, sotto il podio in 21”74. Con il crono del record italiano di ieri in semifinale, 21”37 ,sarebbe arrivato secondo. Ma resta una medaglia pesantissima nello sprint, sulla scia dei Vismara, altro lombardo, Orsi e Dotto. “Ho fatto un errore in partenza ed ero teso – racconta il 21enne -. In acqua mi sentivo bene, il tempo non è dei migliori ma va bene così”.
50 RANA — Medaglia bis per Arianna Castiglioni nei 50 rana in 30”41con un finale avvincente, al tocco dietro la russa Efimova 29”81 e l’inglese Clark 30”34. Martina Carraro è sesta in 31”11.
50 FARFALLA — Sarah Sjoestroem conquista il quarto oro individuale: la svedese di ghiaccio, che detiene il primato mondiale in 24”43, si accontenta di trionfare in 25”16 e batte la danese Emilie Beckmann in 25”72 e la belga Kimberly Buys in 25”74. La Sjoestroem aveva già vinto i 50 sl (per un centesimo contro l’olimpionica Blume), i 100 sl ieri e i 100 farfalla.
400 MISTI — Medaglia d’oro all’ungherese David Verraszto in 4’10”65, argento al britannico Max Litchfield (4’11”00), bronzo allo spagnolo Joan Lluis Pons Ramon (4’14”26).
4×100 MISTI — La 4×100 mista rosa è quarta per 9 centesimi, col record italiano di 3’57”00 maturato col dorso di Carlotta Zofkova (58”86), la rana di Arianna Castiglioni (1’06”50), il delfino di Elena Di Liddo (53”30) e il 53”30 di Federica Pellegrini a stile libero. Una medaglia di legno davvero stregata. A vincere è la Russia col record dei campionati in 3’54”22 sulla Danimarca (3’56”69) della Blume (51”77) e sulla Gran Bretagna (3’56”91) della Anderson (52”69). Sotto il podio anche la Francia della Bonnet (52”85) e l’Olanda della Heemskerk 53”84. “Non potevo fare meglio – ha detto Federica -. E’ stato il mio tempo migliore della settimana. Mi dispiace sia andata così. Sapevamo che l’ultima frazione sarebbe stata una rincorsa: è mancato davvero pochissimo”. La staffetta maschile va alla Gran Bretagna, oro in 3’30”44 davanti alla Russia (3’32”03) e alla Germania (3’33”52).
Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT

Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Quadarella monstre: 3° oro Panziera e Codia da sogno
Rating dell'autore