Pastore atto secondo: è già al lavoro per conquistare Fonseca

Pubblicato 20 giugno 2019

Pastore atto secondo: è già al lavoro per conquistare Fonseca

L’argentino anche in vacanza si allena con un preparatore personale: dopo un’annata deludente deve convincere il nuovo tecnico a credere in lui

20 giugno Roma

In vacanza con la moglie, i figli, gli amici. Ma anche con il preparatore. Javier Pastore compie oggi 30 anni, festeggiando in Sardegna con la famiglia, qualche amico noto (come Erik Lamela), e con Tomas, il preparatore atletico che da mesi lo segue come un’ombra. Pastore si allena ogni giorno, gioca a calcetto al Forte Village con, tra gli altri, il laziale Immobile, e a tennis (sembra con risultati non eccellenti con la racchetta in mano), nuota, ma soprattutto ragiona su come e cosa fare per convincere Fonseca e dimostrare di non essere un flop. Lo deve a se stesso, alla Roma che ha speso quasi trenta milioni un anno fa per averlo e gli ha fatto firmare un contratto di cinque anni a quattro milioni a stagione più bonus, e lo deve anche a Francesco Totti, che lunedì ha fatto capire, neppure troppo velatamente, come sul suo acquisto ci fossero troppe incognite.

RIVINCITA O ADDIO? – La Roma ha pensato, e in parte pensa ancora, ad una sua cessione, ma l’età, lo stipendio e il costo del cartellino rendono difficile, se non impossibile, l’operazione. Ecco perché, a meno che qualche club non decida di investire su un giocatore che tecnicamente ha pochi rivali, ma che troppo spesso negli ultimi anni è stato frenato dagli infortuni, Pastore resterà a Roma. Provando a prendersi la su rivincita dopo una stagione in cui ha messo insieme appena 17 partite, non arrivando neppure a 800’.

DOLCE VITA – Tra infortuni al polpaccio, rapporti tesi con Di Francesco e un umore che è andato via via peggiorando col passare dei mesi, l’argentino ex Psg può salvare soltanto la sua vita romana. Abita in centro, a due passi dal Circo Massimo, ha ottimi rapporti con i compagni di squadra (Fazio, Perotti, De Rossi e Pellegrini quelli a cui è più legato), e la famiglia si è perfettamente ambientata dopo gli anni di Parigi, città in cui sono nati sia Martina sia Santiago, i due figli. Ha scelto di riposarsi al mare in Italia, senza viaggi stressanti oltreoceano e al freddo, proprio per essere pronto per il ritiro, cercando con un lavoro preventivo e quotidiano di evitare gli infortuni dell’anno passato. Se ci riuscirà, però, potrà dirlo solo il campo. Magari sarà proprio questo il desiderio che stasera esprimerà soffiando sulle sue trenta candeline.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Pastore atto secondo: è già al lavoro per conquistare Fonseca
Rating dell'autore