Neymar-Psg, è guerra! Lui non si presenta al raduno, il club: Prenderemo misure. Il papà media

Pubblicato 9 luglio 2019

Neymar-Psg, è guerra! Lui non si presenta al raduno, il club si infuria: “Prenderemo le misure appropriate”

Il brasiliano assente ingiustificato al primo giorno della nuova stagione. L’ira degli emiri in un laconico e durissimo comunicato sul sito ufficiale

8 luglio Milano

E’ una dichiarazione di guerra. E forse il punto di non ritorno. Anzi, a questo punto, il ritorno di Neymar al Paris Saint Germain diventa sempre più improbabile. Oggi, infatti, il brasiliano non si è presentato al raduno e il club dell’emiro del Qatar ha preso posizione con un comunicato duro: “Non era autorizzato, prenderemo le misure appropriate”. Insomma, la separazione è nell’aria dopo che anche il presidente del Barcellona, Bartomeu, ha dichiarato di sapere che il fuoriclasse ha espresso il desiderio di tornare in Catalogna.

FESTEGGIAMENTI – Nei giorni scorsi però sembrava che il rientro di Neymar a Parigi fosse comunque programmato con qualche giorno di ritardo, per via degli impegni iniziati con la nazionale brasiliana, ma interrotti dall’infortunio del 6 giugno, rimediato in amichevole proprio contro il Qatar. Secondo i media francesi quindi, il fuoriclasse era atteso tra una settimana. Invece, per il Psg, Neymar avrebbe dovuto presentarsi oggi al centro di allenamento di Saint Germain en Laye. Il giocatore, contrariamente a Mbappé, non si è visto. Anche perché nella notte era a festeggiare con i compagni di nazionale la Coppa America vinta in finale contro il Perù.

RIENTRO – Un’assenza ingiustificata per la società che gli paga l’ingaggio da 34,5 milioni di euro a stagione e che non aveva gradito neppure che l’attaccante rientrasse in patria prima della fine della stagione, senza l’avallo del tecnico Tuchel. Da qui la scelta di esprimere la disapprovazione in modo pubblico. Una nuova tappa della fase di separazione, dopo la dura presa di posizione del presidente Al Khalaifi che pochi giorni fa aveva sottolineato, in un’intervista a France Football, che non avrebbe più tollerato atteggiamenti da star e giocatori poco inclini a investirsi: “Nessuno ha obbligato Neymar a firmare da noi”. E a Parigi, ormai, nessuno sembra intenzionato a impedirgli di andarsene.

REPLICA – Nel frattempo, il padre di Neymar replica dal Brasile, ricordando che il figlio è impegnato con la sua fondazione: “Il programma dell’Istituto Projeto Neymar è noto da un anno e non poteva cambiare. Il ritorno è previsto per il 15. La situazione è semplice e senza polemica, il Psg non solo è informato, ma partecipa pure alle azioni dell’Istituto”. Ma forse a Parigi la pensano ormai diversamente.

LEONARDO – In serata sul caso Neymar è intervenuto anche anche il d.s. dei parigini, Leonardo: “Neymar può lasciare il Psg se arriva un’offerta che conviene a tutti”. – ha dichiarato il brasiliano ai microfoni de Le Parisien – “Ma ad oggi non sappiamo chi lo vuole e a quale prezzo. Tutto questo non può ovviamente essere deciso in un giorno”.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , , , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Neymar-Psg, è guerra! Lui non si presenta al raduno, il club: Prenderemo misure. Il papà media
Rating dell'autore