Montella, a Firenze per un nuovo ciclo

Pubblicato 11 aprile 2019

Fiorentina, Montella è il nuovo allenatore: “Qui per un nuovo ciclo”

Il tecnico ha firmato un contratto fino al 2021. Il comunicato della società sull’addio di Pioli: “Atteggiamento ingiustificabile”

Vincenzo Montella è tornato a Firenze. Il volto sorridente, il saluto di alcuni tifosi mentre dalla stazione di Campo di Marte sale a bordo dell’auto che lo porta nella sede della Fiorentina: “Felice di essere tornato a Firenze? Sennò non sarei qua”, le sue prime parole. Dopo le dimissioni di Stefano Pioli e il caos all’interno del club tra comunicati e contestazioni da parte della curva Fiesole, è arrivata la svolta nella serata di martedì 9 aprile. Ovvero quella del ritorno di Montella sulla panchina viola: lui, che aveva già allenato la Fiorentina dal 2012 al 2015 e che si era lasciato a colpi di comunicati affidati alle agenzie.

Eppure nei mesi scorsi, per stessa ammissione del tecnico napoletano, Montella aveva trovato il modo di chiarire quanto accaduto direttamente con la famiglia Della Valle. Un rapporto ricucito soprattutto con Diego, il proprietario, che nelle ultime ore avrebbe spinto per la soluzione del ritorno. Le esperienze con Sampdoria, Milan e Siviglia non erano andate come sperato e così, dopo un periodo di stop, Montella torna a Firenze dove ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 2021. “Mi hanno convinto i Della Valle e il direttore, non facciamo parallelismi con la mia precedente Fiorentina, ora nuovo ciclo” le prime parole dell'”Aeroplanino” di ritorno sulla panchina della Fiorentina. “Bisogna ora stare tutti uniti – ha proseguito – credo in questa squadra, capisco la delusione dei tifosi, ripartiamo adesso. Ho chiarito a suo tempo con i Della Valle e sono qui per guardare avanti con forza e convinzione. Ho accettato perché amo questo lavoro, avendo tante proposte, ma sono qui perché credo nel progetto”.
Gli ultimi due mesi di una stagione travagliata, col decimo posto in classifica, la squadra fuori dalle competizioni europee ma anche una semifinale di Coppa Italia ancora da giocare. Proprio lui, che nel 2014 arrivò a giocarsi la finale poi persa contro il Napoli in una notte da incubo per tutto il calcio italiano.  Montella ripartirà dalla sfida di domenica prossima contro il Bologna. Poi la gara di Torino contro la Juventus e il 25 aprile, a Bergamo, il ritorno della semifinale di Coppa con l’Atalanta. Tre tappe decisive prima del finale di stagione e di un ciclo da riaprire. A volte ritornano.

Nel frattempo la Fiorentina, tramite un’altra nota ufficiale, è tornata sulle affermazioni di Stefano Pioli nel momento delle sue dimissioni. “Riteniamo Stefano Pioli una persona perbene che si è sempre comportata, fino a ieri, correttamente nei confronti della Società – si legge nella nota ufficiale – Per questo consideriamo il suo atteggiamento incomprensibile ed ingiustificabile, mettendo la società in una situazione inaspettata e complicata da gestire”. “Il comunicato fatto dalla Fiorentina – si legge – era doveroso per chiarire la posizione della società, e per richiamare tutti al massimo impegno, senza offendere o delegittimare nessuno. Pertanto i motivi delle dimissioni di Pioli (a pochissimi giorni dalla scadenza del suo contratto) non c’entrano nulla con il comunicato fatto dalla società, e il primo a saperlo è proprio Pioli. Ora comunque bisogna guardare avanti e concentrarsi esclusivamente sui risultati sportivi che dobbiamo e possiamo sicuramente ottenere”.

Fonte: LA REPUBBLICA

 


Tags: , , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Montella, a Firenze per un nuovo ciclo
Rating dell'autore