Marchisio ha fame di gloria; In corsa per tutti i trofei

Pubblicato 9 aprile 2015

Juve, Marchisio: “Possiamo arrivare in fondo a tutte le competizioni”

Il centrocampista bianconero: “La Lazio è cresciuta rispetto a quando l’abbiamo affrontata l’ultima volta: dovremo fare attenzione, loro non giocano le coppe e saranno più freschi”

Difficile trovare un difetto alla Juve di Allegri. Nel momento decisivo della stagione, nonostante assenze pesanti (Pogba in primis), i bianconeri hanno cambiato marcia. E ora viaggiano spediti verso il 4º scudetto consecutivo, la finale di Coppa Italia a Roma e i quarti di Champions League contro il Monaco. I tifosi sognano il triplete, Claudio Marchisio ha ancora fame.
AVANTI SUI TRE FRONTI — “Abbiamo raggiunto il primo obiettivo, la finale di Coppa Italia, contro la Lazio. Siamo veramente a un punto cruciale della stagione – le parole del centrocampista a Jtv -, la squadra sta bene e sta facendo quello che deve fare: vincere cercando di arrivare in fondo a tutti i traguardi. Ci sono sempre tante pressioni e aspettative, ogni anno si presenta la solita domanda: se la Juventus avrà ancora fame e se i giocatori avranno ancora voglia di sacrificarsi, e anche quest’anno stiamo dimostrando di esserci. Passa il tempo ma questa squadra è sempre lì davanti, le avversarie non riescono ad avere la nostra continuità”.
STAGIONE TOP — “Se è la mia miglior stagione? Devo ringraziare – toccandoci anche – di non aver avuto infortuni, perché l’anno scorso sono partito con uno stiramento al collaterale fastidioso. Poi ho avuto altri problemi che non mi hanno permesso di esprimermi al meglio”.
OCCHIO AL MONACO — “Nonostante un sorteggio tutto sommato abbastanza favorevole non bisogna sottovalutare i nostri avversari. Hanno eliminato squadre importanti, se sono arrivati ai quarti di finale vuol dire che non saranno facili da battere”.
LA DECIMA — “La finale di Coppa Italia? Molto dipenderà dal come arriveremo a quella partita. La Lazio è più in forma rispetto al girone di andata, ha ottime qualità individuali e di squadra e un ottimo allenatore che ha dimostrato il suo valore sul campo. Dovremo fare molta attenzione, non avendo giocato le coppe loro saranno sicuramente più freschi”.
ALBUM DEI RICORDI — “La vittoria più bella? Trieste, il primo scudetto. Al termine di un’annata intensissima, piena di emozioni. Quest’anno ci sono state tante partite importanti: dal derby vinto all’ultimo secondo, alla Roma, ma anche Dortmund. E anche contro la Fiorentina abbiamo dimostrato, nonostante assenze importanti, che il gruppo è sempre più importante del singolo”.
BONUCCI — Triplete? Sognarlo non costa, lo dice Leonardo Bonucci: “Sognare non costa nulla, noi dobbiamo credere di poter vincere ogni partita che giochiamo, poi si vedrà dove possiamo arrivare. Allegri e Mourinho? Credo che le mentalità di gioco siano diverse – spiega il centrale bianconero a Sky Sport 24 -, Mourinho ha vinto quella Champions costruendo un’Inter molto difensiva, mentre ad Allegri piace di più la manovra offensiva e credo che questa sia la principale differenza. È un tecnico intelligente e paziente e credo che nella partita di Firenze in Coppa Italia, la squadra abbia rispecchiato il carattere del suo allenatore conducendo la gara con intelligenza e pazienza, si dice che la pazienza sia la virtù dei forti, noi martedì abbiamo aspettato pazientemente per poi colpire la Fiorentina”.
Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT

Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Marchisio ha fame di gloria; In corsa per tutti i trofei
Rating dell'autore