La Roma annulla Malcom E rimonta 4-2 il Barcellona

Pubblicato 1 agosto 2018

Roma, è remuntada. Annulla Malcom e vince 4-2 col Barcellona

La squadra di Di Francesco va sotto due volte con i gol del brasiliano e Rafinha, ma riesce a ribaltare il risultato con El Shaarawy, Florenzi, Cristante e Perotti

01 agosto 2018 – Milano

Non sarà stata bella ed emozionante come quella di aprile, ma nella notte (le 4 di mattina in Italia, la sera a Dallas), la Roma ha battuto il Barcellona nella seconda giornata dell’International Champions Cup 2018. Davanti al presidente Pallotta, la squadra di Di Francesco ha sofferto, rimontato e, soprattutto, evitato la beffa: 4-2 il risultato in favore dei giallorossi, dopo che il Barça, fino a metà del secondo tempo, conduceva per 2-1. E il gol del vantaggio lo aveva segnato proprio quel Malcom soffiato dai catalani alla Roma sul filo di lana.
NERVI TESI — Che la vicenda del brasiliano lasciasse qualche strascico in campo era prevedibile, ma la Roma, dopo il k.o. contro il Tottenham, voleva fare bella figura, soprattutto con i nuovi: Olsen al debutto in porta, Kluivert, provato ancora a destra, Marcano, sempre più sicuro al fianco di Manolas e Santon, che invece soffre ancora parecchio quando attaccato. E il Barcellona, pur privo di gente come Messi, Suarez e Piqué e imbottito di riserve, quando attacca lo fa seriamente, tanto da passare in vantaggio dopo poco più di 5’con Rafinha, bravo a stoppare di petto e a battere al volo Olsen. La Roma si organizza, ferma Malcom come può (Manolas anche con le brutte), pareggia alla mezz’ora con El Shaarawy su assist di Kluivert, che si fa tutta la fascia destra e crossa al centro per il compagno, ma poi subisce il 2-1 proprio dal brasiliano che avrebbe dovuto giocare questa partita a maglie invertite.
RIMONTA — Al 60’ Di Francesco rivoluziona la squadra e la Roma ne giova: Luca Pellegrini, a sinistra, è il migliore, Florenzi non si ferma mai (sua la rete del 2-2 al termine di una triangolazione con Perotti), Cristante e Pastore danno al centrocampo quel dinamismo e quella fantasia che con De Rossi, Strootman e Lorenzo Pellegrini erano mancati. Proprio l’ex Atalanta, col repertorio della casa, e cioè l’inserimento in area, porta in vantaggio la Roma, poi Perotti, su rigore concesso per fallo su Schick, chiude i conti. Di Francesco sorride, Pallotta in tribuna: “N’Zonzi è una bestia, non è un problema di età, ma di costi, ingaggio e altre cose. Suso? Non spenderemo soldi a caso, non è che dobbiamo per forza spendere un’ala destra”, dice il presidente. Ma la sensazione è che alla fine, tra centrocampo e attacco, qualcuno arriverà.

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT


Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
La Roma annulla Malcom E rimonta 4-2 il Barcellona
Rating dell'autore