Finale scudetto, gara-3: colpo Venezia a Sassari. Ora la Reyer conduce 2-1

Pubblicato 15 giugno 2019

Finale scudetto, gara-3: colpo Venezia a Sassari. Ora la Reyer conduce 2-1

Vittoria esterna 76-73 per l’Umana che domina a lungo fino a +14 poi viene ripresa al 39’ da Polonara. Decide una tripla dell’ala Usa Daye

14 giugno Sassari

SASSARI-VENEZIA 73-76 (SERIE SULL’1-2)
Prova di forza per Venezia, che espugna il PalaSerradimigni e si riprende il fattore campo per la lotta scudetto, dopo un match fatto di strappi, che si decide solo negli ultimi possessi. Prima parte di gara in favore degli ospiti, dopo la palla a due la partita si dimostra da subito molto fisica, gli uomini di DeRaffaele provano ancora una volta a togliere i punti di riferimento nel pitturato a Sassari, trovando fiducia dall’altra parte del campo, grazie ai rimbalzi di Watt e le buone percentuali di Haynes, Daye e Tonut. Sassari tocca il -11 dimostrando una certa sofferenza quando è costretta a fare a meno di Cooley che per altro prova a dosare l’utilizzo dei suoi falli, gli uomini di Pozzecco insistono comunque con il gioco vicino a canestro sfruttando i soliti Thomas e Pierre, chiave che permette alla Dinamo di rimanere a contatto e di costringere Haynes al terzo fallo, pur non riuscendo a chiudere lo strappo: 32-39 al 20’.

RIPRESA – Il ritorno dalla pausa lunga vede la reazione dei padroni di casa, il fattore è Cooley che fa la differenza in area e permette ai suoi di rientrare sino al -2, qua manca la forza per chiudere lo strappo e Venezia ritrova grazie alla sua difesa, sistematicamente a zona, la forza per riallargare la forbice; la chiave è Vidmar che regge bene il confronto con il pari ruolo vicino a canestro e riapre per i suoi tiratori, con Tonut e Bramos protagonisti, il frutto è una nuova fiducia al tiro dalla lunga distanza che smantella le scelte difensive dei padroni di casa, tanto da chiudere sul +13 ospite il terzo quarto. Dopo aver toccato il -14 Sassari si trasforma, 14-0 di parziale e partita completamente riaperta grazie al duo made in Italy Spissu-Polonara e al solito Thomas, il PalaSerradimigni esplode, ma Venezia non si spaventa; controbreak di 7 punti con Haynes e Daye sugli scudi e Sassari si ritrova alle corde. La gara si decide solo negli ultimi possessi, gli uomini di Pozzecco grazie alla difesa ritrovano la parità a meno di 1’ dalla fine, Venezia ancora una volta però non trema, Daye colpisce dalla lunga distanza e vale l’ultimo e decisivo allungo, lo stesso ex Pesaro non sbaglia nemmeno dalla lunetta e la Reyer si riprende il fattore campo: 73-76 il finale. Domenica gara-4, ancora in Sardegna. Sassari: Thomas 17 Pierre 15 Polonara 10.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Finale scudetto, gara-3: colpo Venezia a Sassari. Ora la Reyer conduce 2-1
Rating dell'autore