Dybala, voglia di riscatto dopo la stagione più difficile

Pubblicato 3 luglio 2019

Dybala, voglia di riscatto dopo la stagione più difficile

L’eliminazione dell’Argentina in Coppa America manda in vacanza lo juventino che ha vissuto un anno complicato. E adesso vuole conquistare Sarri

3 luglio Milano

I NUMERI – Cinque minuti: il tempo di entrare in un bar, ordinare e bere un caffè. Cinque minuti sono quelli che Lionel Scaloni ha concesso a Paulo Dybala nella semifinale di Coppa America. Il Brasile era già in vantaggio per 2-0 e stava assaporando la qualificazione, l’Argentina stava cominciando a metabolizzare l’ennesima delusione dell’era Messi quando il c.t. della Seleccion ha sostituito Tagliafico e ha inserito lo juventino per cercare un improbabile assalto finale. Al tridente titolare, composto da Messi, Aguero e Lautaro, sono stati aggiunti nel corso della gara Di Maria (più offensivo di Acuna) e poi proprio Dybala. Ma le cose non sono cambiate, l’Argentina ha perso e Paulo ha concluso la sua stagione. Con la maglia della Juve Dybala ha disputato 42 partite (32 da titolare) realizzando 10 gol: in bianconero non aveva mai giocato e segnato così poco. Con l’Argentina il bilancio è di 10 presenze (4 dall’inizio) e 1 gol. In Coppa America è rimasto in campo appena 24 minuti. Una stagione deludente, quindi, anche se non mancano gli alibi. Innanzitutto il ruolo diverso nella Juve, anche se Allegri ha sempre detto che per Dybala non è cambiato nulla. In realtà il raggio d’azione più arretrato ne ha condizionato il rendimento: poche volte Dybala è arrivato in zona tiro, quella nella quale può davvero fare la differenza. E il suo inserimento nel 4-3-3 è stato comunque difficoltoso. E adesso cosa succederà? Dopo le vacanze Paulo si aggregherà alla Juve e conoscerà Maurizio Sarri, che nel frattempo ha già speso parole importanti nei suoi confronti. In estate è normale che nascano voci di una possibile cessione, Dybala è abituato ai rumors, ma in attesa di valutare con la società eventuali offerte bisogna capire come Paulo potrebbe essere impiegato da Sarri. Se la tecnica e la velocità saranno al centro del progetto, come pare, l’argentino avrà un ruolo importante. Naturalmente, però, bisognerà uscire dall’equivoco della scorsa stagione in cui Paulo si trovava a svolgere troppi compiti senza avere più un ruolo fisso e perdendo alcune delle sue specificità. Dybala è un attaccante duttile, ma non deve stare troppo lontano dalla porta. Nelle prime dichiarazioni Sarri ha già fatto capire che in attacco vorrà molta qualità, anche perché è lì davanti che si vincono partite e trofei. E allora sarà proprio in allenamento che Dybala dovrà conquistare il suo allenatore e convincerlo a dargli fiducia. Non è di sicuro un vantaggio iniziare per penultimo (solo Alex Sandro è ancora impegnato in Coppa America) la preparazione, saltando la tournée asiatica e lavorando quasi da solo in attesa del rientro dei compagni e del nuovo tecnico. Però il campionato comincia il 24 agosto e Dybala avrà il tempo per farsi trovare pronto al debutto. La quinta stagione con la maglia della Juve deve essere quella della completa maturazione.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , , , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Dybala, voglia di riscatto dopo la stagione più difficile
Rating dell'autore