Conte ha già trovato il suo muro. E sulle fasce si corre con Lazaro

Pubblicato 19 giugno 2019

Conte, operazione Gagliardini. Tolto dal mercato, vuole rigenerarlo

Per il centrocampo il nuovo tecnico nerazzurro conta sui suoi chili e i suoi centimetri: si allungherà la lista dei giocatori rilanciati dall’ex c.t.?

19 giugno Milano

Le grandi manovre nel centrocampo nerazzurro continuano: Barella è il grande obiettivo, Sensi il possibile nome nuovo come alternativa in regia, Nainggolan il big in bilico. Ma il nuovo tecnico potrebbe trovare risorse importanti anche fra chi in rosa c’era già. E’ il caso di Roberto Gagliardini, che quest’anno ha visto dimezzarsi i minuti in campionato rispetto al stagione precedente (1085′ contro 1985′). Il suo ruolo nel centrocampo interista, a dispetto dei cinque gol segnati (4 contro il Genoa) era quello della riserva, con 19 presenze, di cui solo 13 da titolare.

FUORI DAL MERCATO – Anche per questo nelle ultime sessioni di mercato era finito in parecchi discorsi su possibili cessioni, bloccate poi soprattutto dalla necessità di non far registrare una minusvalenza (arrivò a gennaio 2017 per 24 milioni dall’Atalanta). Anche in questo inizio di estate Fiorentina e Torino si sono informate sul giocatore, ma hanno trovato una porta chiusa. Antonio Conte infatti punta forte sul giocatore, è convinto di poter rivedere il Gaglia dell’Atalanta e dei primi mesi interisti. Le sue caratteristiche di incontrista e le sue doti fisiche non sono comuni nella rosa interista, per cui l’ex c.t. azzurro lo ha tolto da mercato e intende rilanciarlo nella prossima stagione.

RIGENERATI – L’operazione può far ben sperare i tifosi, visto la storia passata di Conte, che in carriera ha saputo tirare fuori il meglio da giocatori sottovalutati o che sembravano aver intrapreso la parabola discendente. E’ il caso di Moses al Chelsea, pescato dalle profondità della rosa Blue, ma anche nella stessa squadra di Pedro e di Fabregas. Entrambi erano finiti in disparte, Cesc (la cui qualità è ovviamente superiore) visse una seconda giovinezza. Ma Conte trasformò in “fattori” anche giocatori non proprio di prima fascia come Pepe alla Juventus o Eder in Nazionale. Il prossimo potrebbe essere proprio Gagliardini.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
Conte ha già trovato il suo muro. E sulle fasce si corre con Lazaro
Rating dell'autore