A Tolosa festeggia Ewan. Bonifazio se la vede brutta…

Pubblicato 18 luglio 2019

A Tolosa festeggia Ewan. Bonifazio, che rischio in volata!

Volata vincente del tasmaniano al colpo di reni su Groenewegen. Il ligure colpisce con il casco lo smartphone di un tifoso. Alaphilippe sempre in giallo. Ciccone a 4’12”: coinvolto nella caduta di Terpstra, batte il ginocchio destro. Giovedì prima tappa pirenaica a Bagneres de Bigorre con il Peyresourde

17 luglio Milano

Ce l’ha fatta, finalmente. E a Tolosa vince l’unico velocista che finora non aveva esultato, con la quarta volata su cinque decisa al fotofinish. Caleb Ewan, tasmaniano di 25 anni, che corre nella belga Lotto-Soudal, batte al colpo di reni l’olandese Groenewegen e il nostro Elia Viviani, rimasto chiuso nel momento in cui si è lanciata la volata. Per Ewan è la settima vittoria nel 2019, dopo essersi imposto in due tappe al Giro d’Italia: Pesaro e Novi Ligure. Così, dopo cinque sprint, si sono imposti altrettanti velocisti diversi: Teunissen, Groenewegen, Viviani, Van Aert ed Ewan. Da valutare però il cambio di direzione di Ewan, che ai 150 metri fa una scorrettezza ai danni del ligure Nicolò Bonifazio, che si stava lanciando molto bene e che poi ha urtato con il casco contro il braccio di uno spettatore che provava a fare una foto ai corridori.

TERPSTRA RITIRATO – Giornata di tensione nel finale, con una caduta di Niki Terpstra, che si è dovuto ritirare, e inseguimento forsennato di Nairo Quintana per rientrare nel gruppo dei big. Coinvolto anche Giulio Ciccone, che batte il ginocchio destro e chiude a 4’12”, sofferente. Prossimo appuntamento per i velocisti martedì 23 a Nimes, dopo il secondo e ultimo giorno di riposo, sulla strada che porta alle Alpi. Poi ci sarà l’ultima volata, sui Campi Elisi di Parigi, che per il prestigio vale una grande classica.

MONTAGNE – In classifica non cambia nulla, con il francese Alaphilippe con 1’12” su Thomas e 1’16” su Bernal. Ma adesso il Tour de France entra nel vivo con la prima tappa pirenaica, la meno dura: giovedì dodicesima tappa, Tolosa-Bagneres de Bigorre, km 202. Da scalare il Peyresourde (13,2 km al 7%), una delle vette storiche del Tour, al km 138 e l’Hourquette d’Ancizan (9,9 km al 7,5%) a 30 km dalla conclusione. Poi discesa sino al traguardo di Bagneres de Bigorre, nei Pirenei francesi. Bernal, Quintana, Pinot, Bardet, Landa, Woods, Aru, Nibali: giorno di attacchi e di speranza.

Fonte: GAZZETTA.IT


Tags: , ,



Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Riepilogo
Recensito da
vicinivicini
Data revisione
Articolo
A Tolosa festeggia Ewan. Bonifazio se la vede brutta…
Rating dell'autore